Arbitri horror, l’Inter si muove con l’Aia: denunciati tre errori gravissimi

Ok, la stagione dell’Inter è quella che è e nessuno in casa nerazzurra vuole accampare alibi che vadano a gettare fumo sulle reali problematiche societarie e di campo della squadra. Ma il “fastidio” – per dirla alla Moratti – per i continui svarioni arbitrali subiti ha decisamente raggiunto livelli da allarme rosso.

E’ la ‘Gazzetta dello Sport’ a rendersi interprete – evidentemente opportunamente ‘avvisata’ in tal senso dal club nerazzurro, che fa trapelare sulla rosea la propria posizione – del malessere crescente in Corso Galileo Ferraris.

Nessun dossier da parte di Thohir & Co, ma la segnalazione – già fatta nella scorsa settimana a chi di dovere nel palazzo arbitrale dell’Aia – di “tre errori gravissimi”, individuati all’interno dei 6-7 inanellati nelle ultime settimane, a cominciare dal fallo di Acquah su Alvarez in Inter-Parma l’8 dicembre scorso.

Si tratta dei rigori non concessi contro Milan (Zapata su Palacio) e Udinese (Domizzi su Milito) e del goal annullato a Nagatomo contro il Chievo. Tre situazioni ritenute così evidenti da far porre domande che vanno oltre il margine di errore umano che si riconosce agli arbitri.

Contestualmente l’Inter ‘aggiorna’ il tassametro – che continua a correre inesorabile – dei penalty con concessi: nonostante uno degli attacchi migliori del torneo, come si fa notare a Nicchi e Braschi, all’Inter non è stato assegnato nessun rigore nelle prime 20 giornate di questo campionato, mentre nelle ultime 46 ne sono stati concessi solo due. Tutto materiale per cattivi pensieri…

Fonte: goal.com