Alvarez smarrito: “Non so quale club detiene il mio cartellino”

Ricky Alvarez è tornato in Italia pronto a rilanciarsi con la maglia della Sampdoria, ma il futuro dell’argentino è tutt’altro che chiaro. Lo stesso giocatore ha ammesso di non conoscere quale sia il club che detiene il suo cartellino.

Intervistato a ‘La Repubblica’, Alvarez sembra infastidito dalla poca chiarezza: “Io non so ancora a quale club appartengo, non è una bella situazione, ma i calciatori sono abituati a non conoscere il loro destino”.

La testa è completamente rivolta alla Sampdoria, impegnata nella lotta salvezza: “Non dipende da me, ma io voglio solo fare bene con questa maglia per poter firmare un contratto reale. Non è stato facile allenarsi da soli per mesi, non lo auguro a nessun giocatore”.

Il caso Alvarez va avanti da mesi: l’Inter pretendeva l’incasso dei 10 milioni fissati sul contratto per il riscatto del giocatore in caso di salvezza del Sunderland, ma il club inglese lamentava un infortunio grave al ginocchio del trequartista, a tal punto da non voler sborsare tale cifra. Lo scorso novembre la Fifa ha accolto il ricorso nerazzurro, ‘sbloccando’ il giocatore per il prestito blucerchiato. Il futuro, però, è ancora un’incognita.

 

FONTEGoal.com