Alvarez, segnali di addio: “Non so cosa accadrà”. Il rinnovo tarda, ora…

Alvarez“Abbiamo vissuto una serata bellissima che non dimenticherò mai. Un saluto grandissimo”. Queste le poche, incisive parole di Ricky Alvarez all’arrivo al Botinero sabato notte su Javier Zanetti, che poche ore prima aveva detto addio ai suoi tifosi.

Una serata indimenticabile per Ricky Maravilla che, a differenza del capitano, potrebbe non restare all’Inter (anche se il numero 4 lo farà solo in dirigenza). Il futuro dell’ex Velez resta in bilico, senza che si sia ancora trovato un accordo per il rinnovo di contratto, in scadenza nel 2016.

In occasione della serata, alcuni tifosi hanno fermato l’argentino chiedendogli cosà farà, ma da parte sua nessuna certezza: “Non lo so, bisogna aspettare ancora un po’”. Perché la firma sul prolungamento non arriva e le parti restano distanti. La richiesta del giocatore, autore di un fenomenale avvio di stagione, è elevata, più di due milioni. L’offerta dei nerazzurri è lontana, alemeno per ora. Per questo l’agente sarà a breve in Italia, per capire che margini ci siano per suggellare un accordo che potrebbe davvero voler dire permanenza.

Perché la sua posizione, al momento, è tra quelle maggiormente in bilico. Alvarez è nella lista dei sacrificabili (come Guarin), in caso di buone offerte. Ma fax non se ne vedono in Corso Vittorio Emanuele, solo sondaggi e apprezzamenti al suo entourage, da Borussia Dortmund e Atletico Madrid, non due squadre a caso.

L’Inter non ha fretta, forte di un accordo di altri due anni, e potrebbe aspettare ancora prima di blindare il contratto. Attesa e stand-by che non tranquillizzano Alvarez, che non sente la fiducia della dirigenza e medita di lasciare. Ogni discorso per la cessione, a maggior ragione se non si troverà un accordo sul contratto, potrebbe però arrivare dopo il Mondiale. Una finestra che potrebbe rimettere in luce il giocatore e favorire l’Inter, per fare cassa, e lui, alla ricerca di un nuovo trampolino di lancio.

E’ tempo di dentro fuori per il numero 11 nerazzurro. Sarà rinnovo o addio. Per questo l’argentino chiude: “Il cuore mi dice di vivere questa serata”. E il domani resta tutto da decidere.

Fonte: fcinternews.it