Almeida: “Siamo stati derubati. Volevo picchiare il guardalinee, ho spaccato…”

Richard Almeida, il giocatore del Qarabag che ieri ha segnato il gol ingiustamente annullato dall’arbitro Zelinka, esprime a Radio ESPN tutta la sua rabbia: “Siamo andati nello spogliatoio e subito dopo è comparso il guardalinee. Lo volevo picchiare ma non ho voluto rovinare il mio lavoro con una squalifica enorme, ho preferito prendere a pugni il muro.

Lo spogliatoio era tutto rotto. Eravamo molto arrabbiati perché un errore ridicolo ha rovinato tutto il nostro lavoro. Siamo stati buttati fuori dal guardalinee. Siamo stati derubati. L’arbitro ha fatto questo solo perché l’Inter è una grande squadra. Sembra che una piccola non possa battere una grande. Se ci fossimo qualificati, sarebbe stata una festa storica, il paese si sarebbe fermato. Purtroppo, questo è il calcio. Hanno posto fine all nostro sogno”.

FONTEfcinter1908.it