Ag.Vidic: “Per Mancini ha sbagliato, ma dove? Problemi con lui? Dico…”

Ha vinto praticamente tutto con la maglia del Manchester United, dove si è affermato come uno dei migliori difensori al mondo: Nemanja Vidic ha accettato il progetto nerazzurro, ma siamo certi che nei suoi piani tutto sarebbe dovuto andare diversamente. Sempre titolare con Walter Mazzarri, il calciatore serbo si è ritrovato improvvisamente in panchina con l’arrivo di Roberto Mancini, che dopo la partita di ieri non ha perso occasione per recapitargli messaggi poco simpatici. Per capirne di più abbiamo contattato l’agente del calciatore, Silvano Martina:

– Buonasera Silvano, hai sentito le dichiarazioni di Mancini?
“Sono sbalordito e incredulo di fronte alle dichiarazioni riportate questa mattina dalla stampa e sono altrettanto sorpreso dal fatto che un giocatore come lui sia stato relegato in panchina per due mesi dopo l’arrivo di Mancini. In pratica è stato impiegato solo in casi d’emergenza, quando gli altri suoi compagni di reparto erano assenti per diversi motivi. Da quando c’è stato l’avvicendamento tecnico, il ruolo del ragazzo è mutato da titolare inamovibile a riserva, il tutto senza apparenti motivazioni. Chiaro che scelte del genere influiscano molto sul morale di un calciatore che ha alle spalle la carriera di Vidic, specie perché a volte si ha la sensazione che tali scelte non derivino esclusivamente da valutazioni tecniche. Ricordo che Vidic ha vinto tutto giocando da difensore centrale di una difesa a quattro, proprio lo stesso sistema di gioco che utilizza attualmente Mancini e un anno fa di questi tempi, giocava e segnava in Champions League contro il Bayern Monaco. Non dieci anni fa. 

 – Crede che Vidic meritasse questo tipo di trattamento?

– “A dire il vero sono sorpreso proprio per questo. Non capisco la natura di tali dichiarazioni e non posso credere che siano relative alla gara di ieri. In cosa avrebbe sbagliato in modo così clamoroso Vidic? Si può davvero incolpare un calciatore per aver effettuato un retropassaggio? Se andiamo a rivedere la gara di ieri ne troviamo tanti di passaggi simili a quello e non credo possano determinare una reazione così decisa da parte del tecnico. Si tratta di una normale azione di gioco, è naturale cercare appoggio quando si è pressati”.

– Come sta vivendo questa situazione Vidic?
“Come al solito, da professionista. Lui continua ad allenarsi con continuità come ha sempre fatto e tutti sono testimoni del fatto che non ha mai voluto alimentare polemiche, nonostante spesso sia stato relegato in panchina. Ovviamente è dispiaciuto per la situazione che si sta creando, come qualsiasi altro calciatore del mondo al suo posto”.

– Ha problemi con l’allenatore?

“Io dico che non merita di essere accusato in questo modo. Da quando è arrivato Mancini ha avuto pochissime possibilità e quando chiamato in causa ha sempre risposto con personalità, giocando buone gare. Il ragazzo non ha alcun tipo di problema con Mancini, ma non so se ne abbia Mancini nei suoi confronti”.

– C’erano problemi tra di loro quando erano in Inghilterra?

“No, che io sappia non c’è mai stato alcun problema neanche in Inghilterra”. 

FONTEfcinter1908.it