Berti: “Voglio vedere Eder-Icardi! Fiducia in Kondogbia e Brozovic. Crisi? La colpa è di…”

“Una flessione era inevitabile. Tutto andava troppo bene, difesa perfetta, organizzata e la squadra era cinica. Gennaio è stato molto negativo, esageratamente negativo. Alcune sconfitte giuste sono state corrette e alcune immeritate. Dal primo siamo passati al quarto posto e ora siamo in lotta per la Champions League e non più per lo Scudetto. Certo che se l’Inter avesse mantenuto il passo di inizio stagione poteva vincere il campionato. Adesso, visto che il gennaio dannato è finito, già da stasera ci deve essere la ripresa, è obbligatorio vincere sia stasera che domenica a Verona. Altrimenti inizierà una crisi che diventerà difficile da arginare”. CosìNicola Berti ha analizzato il momento nerazzurro al Corriere dello Sport.

La colpa è dei troppi cambi di Mancini?
“La colpa come sempre è di tutti. Mancini deve trovare la formazione giusta soprattutto in mezzo al campo. Il grande acquisto era Kondogbia che è stato deludente fino a questo momento. Al Monaco giocava da solo e faceva tutto lui, qui ci vuole più diligenza rispetto alla Francia ed è spaesato e confuso. Non ho alcun dubbio, però, sulle sue qualità e sia lui che Brozovic sono due calciatori su cui puntare assolutamente”.

Il richiamo di preparazione al caldo di Doha, può aver inciso sul calo fisico dei calciatori?
“Può anche essere, chi lo sa? Ripeto: una flessione ci doveva essere e c’è stata. Ora confidiamo nel mese di febbraio”.

Come mai Mancini è così nervoso?
“Dopo un gennaio così, chi non lo sarebbe? Sono i risultati che lo fanno irretire anche se da un uomo navigato come lui mi aspetto una gestione un po’ diversa di questi momenti”.

L’Inter arriverà in Champions League?
“Il nostro obiettivo è quello. Anche se ora si è complicata la vita, resta ampiamente nelle sue corde”.

L’obiettivo Scudetto è ormai sfumato? 
“Direi proprio di sì, anche se non era l’obiettivo di inizio stagione”.

Come giudica l’operato di Thohir in questi due anni?
“Ottimo, sta facendo benissimo. Lui e Mancini vanno molto d’accordo. Sul mercato ha fatto molto bene, segue le indicazioni del Mancio e si sta dimostrando molto presente”.

Per Mancini Jovetic e Icardi non possono coesistere, la pensa così anche lei?
“Sì, possono, ma io questa sera sono curioso di vedere la coppia Icardi-Eder. Secondo me avrebbero dovuto giocare anche nel derby, questo è l’unico appunto che posso fare al Mancio. Questi due hanno giocato insieme alla Samp ed è una coppia ben assortita. Per il momento Jovetic sarà messo da parte. Poi non dimentichiamoci che Icardi è sempre un uomo d’area molto pericoloso, si muove bene e si crea le opportunità per segnare”.

Bisogna puntare su Mancini anche in vista dell’anno prossimo? 
“Certo, c’è un programma però deve arrivare terzo… (ride, ndr)”.

Se dovesse saltare Mancini, sarebbe favorevole ad un ritorno di Mourinho? 
“Chi non lo vorrebbe? Però Mancini è saldo al suo posto, rappresenta un’epoca vincente ed è un grande allenatore. Lo vedo ancora saldo al timone della panchina dell’Inter”.

FONTEfcinternews.it